©2016 TTG - Terranova Travel Group :: www.divingmalaysia.eu :: Tel. 011.19950691 : Fax 011.3299030 :: info@divingmalaysia.eu :: P.IVA 06345630013     (v1.0)
HomePage - Scegli una Regione con i pulsanti di navigazione qui sopra...

GEOGRAFIA
La Malesia è uno Stato federale dell'Asia sud-orientale che copre una superficie di 329.750 kmq.
E’ divisa dal Mar Cinese Meridionale in Malesia peninsulare e orientale. La prima si estende sull'estremità meridionale della penisola di Malacca, è bagnata a ovest dallo Stretto di Malacca a est dal Mar Cinese Meridionale appunto e confina a nord con la Thailandia e a sud con Singapore mentre la seconda è costituita da gli stati del Sabah e del Sarawak che si trovano sul versante settentrionale dell’isola del Borneo  Indonesiano (Kalimantan) e sono bagnati dal Mar di Sulu a nord, dal Mar di Celebes a est e dal Mar Cinese Meridionale a ovest.
ETNIA E LINGUA
Quella malese è una società storicamente multirazziale dove popoli provenienti da diverse culture hanno saputo convivere in armonia, nel rispetto delle reciproche tradizioni. La popolazione conta 24.321.000 abitanti, dove i malesi rappresentano il 57% della popolazione, i cinesi sono la seconda comunità seguiti dagli indiani e i restanti sono costituiti da minoranze etniche. Gli abitanti originari della Penisola, vivono nella foresta pluviale, conservando le abitudini nomadi e praticando un’economia di sussistenza legata al baratto dei prodotti della giungla.
In questa straordinaria mescolanza di popoli e culture, la lingua nazionale è il Bahasa Melayu (Malay). L’inglese però è largamente diffuso, anche nelle zone rurali e lontane dai percorsi turistici.
RELIGIONE
La religione ufficiale è l’Islam, ma, nel rispetto delle diverse razze che vivono nel paese, è garantita a tutti la libertà di culto: buddismo, cristianesimo e induismo sono tra i culti maggiormente professati mentre l’animismo è ancora molto diffuso soprattutto fra gli indigeni del Borneo.
PUNTI D'INTERESSE
La Malesia Peninsulare ospita la capitale Kuala Lumpur una frenetica città moderna con quasi due milioni di abitanti che rappresenta il cuore pulsante della nazione. KL è riuscita a conservare nel tempo il suo antico fascino ed è proprio il sorprendente incontro tra passato e futuro a renderla unica nel panorama delle altre città asiatiche. Accanto agli edifici dalle architetture avveniristiche come le torri gemelle, le quali con i loro 452 m di altezza costituiscono attualmente le torri libere più alte del mondo e a pochi passi da enormi shopping mall si possono infatti trovare i luoghi di maggior interesse storico-culturale che risalgono a tempi lontani. 
Il principale punto d’ingresso in Malesia è l’avveniristico aeroporto K.L. International Airport di Sepang (KLIA), situato a circa 50 km a sud di Kuala Lumpur. Attualmente la destinazione è raggiunta con voli effettuati da Emirates, Thai Airways, Singapore Airlines, Etihad, Qatar Airways, KLM, Cathay Pacific e Oman Air.
Degni di notai inoltre nella Penisola Malese  sono inoltre la città storica di Malacca, le Batu Caves, un vasto sistema di grotte calcaree che racchiudono un piccolo tempio induista,  le piantagioni di tè di Cameron Highlands, il Taman Negara, il principale Parco Nazionale del Paese nonché la più antica foresta pluviale del pianeta, diverse catene montuose che la percorrono da nord a sud, coste percorse da chilometri di spiagge deserte, moltissime isole di diverse dimensioni sulla costa ovest, come la leggendaria isola di Langkawi e sulla costa est come Tioman, nella classifica delle 10 isole più belle del mondo, Pulau Redang, Pulau Perhentian, Pulau Lang Tengah, dove gli amanti del mare e del sole possono trovare acque cristalline e spiagge di sabbia bianchissima per poter praticare lo snorkeling e il diving o semplicemente rilassarsi all’ombra di una palma, mentre gli stati del Sabah e del Sarawak rappresentano la parte più incontaminata della Malesia con le loro foreste primordiali, il famoso Monte Kinabalu (4.101 m), i parchi nazionali, i grandi sistemi fluviali e ricchi fondali marini: Layang Layang, Lankayan, Mabul, Sipadan, Kapalai e Pom Pom sono piccoli paradisi di immersioni amati dai subacquei di tutto il mondo …
NATURA
In Malesia si trova una vegetazione ricchissima, con una rara varietà di alberi, piante e fiori, questo poiché il 60% del territorio è ricoperto dalla foresta pluviale più antica del mondo, risalente a 130 milioni di anni fa, contribuiscono inoltre il clima tropicale e le abbondanti precipitazioni.
La flora e la fauna malese sono davvero da record: 2.000 diversi tipi di alberi, 5.500 specie vegetali, migliaia di esemplari di felci e orchidee (1.400 solo nel Borneo), molte specie endemiche come la Rafflesia, il fiore più grande del mondo che può raggiungere fino a 1 m di diametro, 1.200 specie di uccelli, 10 diverse varietà di scimmie...
In questo paradiso tropicale trovano ospitalità una miriade di mammiferi, uccelli, rettili e insetti. Nella penisola può capitare di vedere la  pantera nera, l’orango è la più grande scimmia asiatica ma anche la più rara e si trova solo a Sumatra e nel Borneo (Sepilok infatti, nel Sabah, ospita il più grande centro di riabilitazione al mondo degli oranghi), la scimmia nasica con il suo naso pendulo e la pancia prominente ne fanno una creatura davvero curiosa. Altre specie presenti sono la civetta zibetto, simile a un gatto col muso aguzzo e la coda a strisce, il tapiro, che può raggiungere i 2 m di lunghezza e pesare fino a 300 kg e il pangolino, coperto da squame e più facile da avvistare. Vi sono inoltre: 100 specie di pipistrelli, 250 specie di rettili tra cui 100 di serpenti, 14 di tartarughe e testuggini e 3 di coccodrilli. Ovunque è facile rendersi conto della varietà degli uccelli, che raggiunge le 600 specie nella penisola e quasi altrettante nel Borneo.
 

Clima : caldo di tipo equatoriale - periodo umido da novembre a febbraio sia per il Borneo malese che per la costa est della penisola malese, mentre è secco per la costa ovest
Formalità : passaporto con sei mesi di validità
Vaccini : profilassi antimalarica raccomandata solo nel caso di circuiti all’interno del Borneo.
Fuso orario : +7 ore in inverno; +6 ore in estate
Lingua : malese ed inglese
Moneta : ringitt malese Myr o RM(1 RM vale circa € 0,25)
Elettricità : 220 v, prese americane ed europee

Tutte le informazioni aggiornate sulla MALESIA possono essere anche reperite sul sito www.viaggiaresicuri.it . Clicca qui per tutti i dettagli (servizio a cura del Ministero Affari Esteri)

BORNEO MALESE
Punta emersa di un cono vulcanico, con appena 4 ettari di superficie, l’isola di Sipadan che dista 35 chilometri dalla costa orientale del Borneo, è ricoperta da una foresta fluviale. La parte immersa è caratterizzata da una piattaforma corallina che degrada dolcemente per poche decine di metri da riva per poi inabissarsi nel blu. I suoi fondali sono in assoluto tra i più belli al mondo, contornati da alcionarie, gorgonie e spugne di grandi dimensioni, habitat ideale per tutte le varietà di pesci dell’Indopacifico. I subacquei incontreranno qui numerosi pelagici come squali pinna bianca, banchi di barracuda, razze, ed un numero indescrivibile di tartarughe. La caratteristica più peculiare delle immersioni a Sipadan sono proprio le tartarughe, praticamente stanziali in queste acque, tanto da dichiarare Sipadan Riserva marina. Avrete l’occasione di immergervi su pareti ricoperte di coralli sovrappopolati di piccoli e grossi nudibranchi. Anche le immersioni da riva sono eccellenti e molto particolari. Ad una quindicina di minuti si trova l’atollo di Mabul e quello di Kapalai due veri paradisi per la macrofotografia. I coralli in questa zona, anche se poco distante da Sipadan, hanno differenti conformazioni ed i fondali poco profondi non ospitano grosso pelagico, ma le forme di vita presenti in quest’area ben precisa sono uniche al mondo. Siamo infatti nel regno delle “muck dives” tecniche, mecca dei fotografi appassionati di macro e sede di straordinarie creature presenti solo ed esclusivamente in questo tratto di mare. Ad un'ora circa di barca ad est di Sipadan si trova la magnifica isola di Mataking, perla del Mar di Celebes. Mataking, circondata da una bianchissima spiaggia corallina, coniuga perfettamente una vacanza dedicata alle immersioni con un'ambiente particolarmente curato e rilassante, adatto quindi a chi non fa immersioni. I fondali non sono molto profondi e non hanno dei veri e propri muri verticali, ma sono estremamente colorati e ricchi di coralli, alcionari e gorgonie di ogni specie.
Anche l'isola di PomPom,  70 minuti a est di Sipadan sempre nel Mar di Celebes, si è aggiunta alle altre perle della collana. Magnifica isola corallina, ha conservato tutta la bellezza selvaggia di un'isola incontaminata e il resort, appena inaugurato, è stato progettato per conservarne le caratteristiche naturali e quindi tutta la struttura è stata sapientemente inserita senza interventi che ne modificassero l'aspetto originale. Ci si immerge nel Tun Sakaran Marine Park, fra le isole di Pom POm, Pandanan, Bohayan, Kelapuan e Timba-Timba caratterizzate da fiondali non molto profondi ma ricchi di colore e vita. Ovviamente sarà sempre possiible organizzare delle usicte in full-day a Sipadan.
Nel mar di Sulu, a 80 miglia circa al largo di Sandakan, si trova la bellissima e unica isola di Lankayan, atollo selvaggio e incontaminato che garantisce una vacanza di completa relax, immersi i una natura rigogliosissima. I fondali sono caraterizzati da "colline" sommerse ognuna delle quali piene di vita e biodiversità. Non infrequente l'incontro con il pelagico di passo, in particolre lungo tutta la primavera e l'estate.
Tutt’altre caratteristiche ha l’atollo di Layang Layang, situato ad un’ora di volo da Kota Kinabalu. L’isola artificiale composta da 13 blocchi di corallo uniti tra loro è diventata un vero rifugio naturale per la fauna sottomarina. Le immersioni sono sicuramente degne di nota: 50 metri di visibilità, una parete che si inabissa a 2000 metri, foreste di gorgonie, napoleone giganti, banchi di barracuda, tartarughe e, da aprile a giugno soprattutto, colonie di squali martello.

NOTA IMPORTANTE PER LE IMMERSIONI A SIPADAN

Si fa presente che l’isola di Sipadan è Parco Marino protetto, per cui le autorità locali, per salvaguardare e preservare i fondali, hanno limitato l’accesso tramite un numero contingentato di permessi, pari a 120 al giorno, da distribuire fra i vari operatori che operano in loco. Ciò significa che le immersioni a Sipadan saranno effettuate in base alla equa distribuzione dei permessi, soprattutto nei periodi di alta stagione dove maggiore è la presenza di subacquei. Pertanto le immersioni previste si svolgeranno fra Mabul, Kapalai e Sipadan senza poter garantire il numero esatto di immersioni a Sipadan. Il numero di immersioni a Sipadan non dipende da un resort all’altro né dalla data di prenotazione, dal momento che la gestione dei permessi viene applicata in egual misura su tutte le strutture operanti in loco. Pertanto la disponibilità e conferma delle immersioni a Sipadan verrà data direttamente in loco. Per quanto ciò possa rappresentare un limite, deve essere apprezzato lo sforzo svolto per la conservazione di questo magnifico patrimonio subacqueo.


PENISOLA MALESE
Pulau Redang è stata consacrata Parco Marino nel 1985, mentre a poca distanza si trova l’isola di Perhentian. Il reef dell’arcipelago conta più di 55 specie di corallo ed almeno un centinaio di specie di pesci di barriera. Attorno a Pulau Lima, il reef è abitato da razze, sea cuncumbers, spider shells, e spettacolari stelle marine. Poco distante una frenetica attività marina in direzione di Big Mount dove si è soliti incontrare pesci vela e barracuda. Terumbu Kiri è sicuramente uno dei siti top di Redang. Situato nell’estremo sud di Pulau Pinang, presenta condizioni ideali per osservare il passaggio dei barracuda. Nelle acque di Redang sono inoltre visitabili 2 relitti che risalgono alla seconda guerra mondiale. Da segnalare la possibilità di poca visibilità dovuta alle correnti ed alla ricchezza di plancton di queste acque e la poca profondità che la rende ideale anche per subacquei principianti. Situata più a sud nel Mar Cinese Meridionale, Pulau Tioman è la maggiore del gruppo di 64 isole vulcaniche e rappresenta un vero paradiso tropicale. Alle splendide spiagge bianche dell’isola fanno da contorno altrettanto splendidi siti d’immersione: un esteso tappeto di coralli, un’animatissima vita sottomarina con coloratissimi pesci di barriera, canali ricchi di spugne dalle più svariate colorazioni e dimensioni, una colonia di squali stanziali, pesci napoleone, barracuda e tartarughe...